“Livemmo – Paesello di montagna” (1939)

Il 14 giugno saranno 80 anni dalla prima stampa

Livemmo, giugno 2019

80 anni. Fra pochi giorni (esattamente il 14) saranno passati esattamente 80 anni quando a Milano, in Via Vittorio Alfieri, venne finito di stampare il libro “Livemmo – Paesello di montagna” della poetessa bresciana Lina Polenghi Bertarelli (1865-1945) dedicato proprio a Livemmo, dove venne in vacanza presso il famoso “Albergo Prealpi”, destinazione turistica molto ambita all’epoca, anche da signori di alto rango sociale.

Frontespizio dell’opera

L’opera è interamente composta da poesie, parte delle quali sono ambientate nella frazione perticarola o nelle immediate vicinanze. Alcune sono di facile intuizione, come:
“Alla memoria del Cav. Angelo Piccini”, dove in 2 quartine e 2 terzine racconta ciò che ha realizzato quando era Segretario Comunale (e non solo);
“Mi chiedono se a Livemmo esistono le pinete”, dedicato appunto alle pinete dei nostri boschi
“Il passo San Rocco”, dove omaggia l’omonima località a cavallo delle due Pertiche

Altre poesie, invece, soffermandosi solo al titolo possono non apparire collegate con Livemmo. Dando invece anche solo una lettura veloce, ci si ricrede:
“A una stanza”, nella quale omaggia le sensazioni nella sua camera al Prealpi
“Un mio bel sogno” per l’erigenda strada di Pertica Alta “concessa dalla grazia del Duce”
“Confiteor”, dove l’autrice passa dall’accusare Livemmo “di nullità” alla “gioia del tuo verde effuso”
“Addio” nella quale esprime la sua tristezza nel lasciare Livemmo anche se spera di ritornare a vederlo in futuro.

Leggi il seguito

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Don`t copy text!
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: