Biati e il nuovo libro su “Livemmo e il suo Carnevale”

All'interno una collaborazione con un pittore siciliano, sua vecchia conoscenza.

Il 24 gennaio dello scorso anno, l’amministrazione comunale di Pertica Alta e il Centro studi Museale interattivo di Cultura prealpina di Pertica Alta promossero una serata nella quale il prof. Giuseppe Biati illustrava l’idea di pubblicare un libro dal titolo “Livemmo e il suo Carnevale. Tra riti e miti, tradizioni e lavoro” all’interno del quale spaziare non solo sull’aspetto del carnevale in sé, ma analizzando, come giusto e naturale che sia, aspetti sociali, religiosi ed economici che portarono la popolazione di Livemmo a creare quello che oggi è il Carnevale.

Nel corso delle settimane precedenti (inizio dicembre), soprattutto sui portali siciliani (fra poco… capirete il motivo), è cominciato a uscire una specie di “comunicato stampa” dove appunto si comunicava che il libro stava per essere pubblicato (fra non molto, sarà pronto), snocciolando qualche elemento nuovo e particolare.

Infatti, nelle 232 pagine della pubblicazione, Biati ha voluto inserire tre grafiche di una sua vecchia conoscenza di quando era preside della Scuola Media di Collio V.T.
Si tratta del docente Giacomo Cuttone, pittore di origine siciliana.
Questo rapporto professionale e di amicizia si concretizza con la presentazione da parte di Biati della mostra che Cuttone, insieme con il pittore casertano Silvano Russo, nel 1987, ha tenuto presso la Galleria AAB/Sala del Torchio di Brescia.

A distanza di tanti anni, i due si rincontrano (anche se virtualmente). Il rendez-vous fa nascere una nuova collaborazione. Una cooperazione come un gemellaggio “di amicizie sincere non disgiunte da amore per l’arte e la letteratura” è la definizione che ne dà lo stesso Biati. “Amicizia”, continua Biati, “come espressione di persone che dell’umiltà dei propri animi trovano importante la ricchezza della coesione e della condivisione di comuni ideali”. Ne viene fuori la pubblicazione di un libro in cui conviveranno linguaggio della scrittura e linguaggio pittorico.

Il libro (ad inizio di capitolo e a pagina intera), come detto pocanzi. ospiterà tre grafiche di Cuttone.

Le tre grafiche di Cuttone inserite nel libro
Fonte
Mazara Cult

Articoli correlati

Back to top button
Don`t copy text!